Bici elettrica: Esistono diverse tipologie di bici elettriche in commercio , quindi nel momento dell’acquisto la cosa piu importante é  valutare lo scopo del suo utilizzo.

Le bici elettriche possono essere classificate in due modi: le biciclette che hanno un motore elettrico di serie e le biciclette tradizionali dove in pochi minuti è possibile adattarle con un kit per bici elettrica.

 

Come già detto a causa delle norme europee una bici elettrica dovrà avere per forza un motore dalla potenza massima di 250W anche se nel mercato quasi non esistono motori inferiori ai 250W.

Un valore da tenere in considerazione che sempre è associato all’indicazione della potenza è il voltaggio della batteria. Ai fini pratici la potenza del motore non cambia, però è importante considerarlo quando bisognerà sostituire la batteria. Nelle schede tecniche delle biciclette elettriche di solito si troveranno i valori di 250W/24V, o 250W/36V.

I motori per bici elettriche si distinguono in: motori brushed e motori brushless. I primi, detti anche “a spazzole” già quasi non si usano più per il peso e l’ingombro, oltre ad una efficienza inferiore al motore brushless; quindi nel momento di scegliere il tipo di motore bisognerà optare per un motore brushless.

Più venduti - Posizione n. 1
Più venduti - Posizione n. 2
Più venduti - Posizione n. 3
- 51%Più venduti - Posizione n. 4
Più venduti - Posizione n. 5
Più venduti - Posizione n. 6

Posizione del motore

La posizione del motore in una bici elettrica influisce molto sulle prestazioni. Di solito il motore si trova o sul mozzo della ruota anteriore, o sul mozzo della ruota posteriore, o sul perno dei pedali nel centro della bici.

    • Motore centrale: è la soluzione migliore ma non la più economica; il vantaggio di questo tipo di motore è che non interferisce al momento di montare o smontare le ruote ed è utilizzabile con i sensori di torsione e con i sensori di pedalata.
    • Motore anteriore: è la soluzione più semplice ma tecnicamente non è la migliore; il vantaggio è la semplicità nel montaggio perché non interferisce con i pedali e la catena, però la posizione sulla ruota anteriore di solito crea uno squilibrio nel peso e difficoltà di guida. Inoltre la ruota anteriore potrebbe risultare meno stabile in caso di strada sterrata o di salite ripide e in caso di pioggia.
    • Motore posteriore: è una soluzione buona tecnicamente ma poco pratica; rispetto al motore anteriore si guadagna in stabilità per il vantaggio della trazione posteriore, però si perde di semplicità dal momento che se dovessimo cambiare la ruota posteriore ci obbligherebbe a smontare  il motore stesso.

Batteria

Un altro fattore importante nella scelta di una bici elettrica è il tipo di batteria che verrà utilizzata. A continuazione i parametri che definiscono l’efficienza di una batteria:

      • Tecnologia: ci sono tre tipi di batterie disponibile in commercio e queste sono al nichel-idruro di metallo (Ni-MH), al piombo gel o al litio. Le migliori sono sicuramente sono quelle al litio in base al rapporto peso/capacità. Vuol dire quindi che a pari capacità di una batteria Ni-MH il peso sarà inferiore e inoltre, altro aspetto da non sottovalutare, i tempi di una batteria al litio sono decisamente inferiori.
      • Capacità: la capacità di una batteria si misura in Watt ora (Wh). Quindi la quantità di Wh si riferisce alla quantità totale di energia che la batteria darà al motore della bici elettrica.
      • Autonomia: Il calcolo dell’autonomia di una batteria dipende da molti fattori non sempre dipendenti dalle caratteristiche tecniche di una bici. Bisogna prendere in considerazione che la batteria con il tempo riduce le sue prestazioni. Inoltre la capacità della batteria è un fattore determinante dell’autonomia di una bici elettrica, in linea generale si parla di alta autonomia se è superiore agli 80 km, media se è tra gli 80 e i 50 km e bassa sotto i 50 km.
      • Posizione: In linea generale la batteria viene posizionata sul triangolo del telaio o sul portapacchi. La migliore posizione è da considerarsi quella sul triangolo del telaio perché libera lo spazio del portapacchi per un eventuale cestino o un seggiolino per bambini, oltre al fatto che mantiene la bici elettrica più bilanciata, non appesantendo la trazione posteriore.
Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1
Più venduti - Posizione n. 2Più venduti - Posizione n. 2
Più venduti - Posizione n. 3Più venduti - Posizione n. 3
Più venduti - Posizione n. 4Più venduti - Posizione n. 4
Più venduti - Posizione n. 5Più venduti - Posizione n. 5
- 55%Più venduti - Posizione n. 6Più venduti - Posizione n. 6

Le due tipologie di sensori si possono trovare con diversi livelli di assistenza alla pedalata. Ovviamente le bici elettriche che offrono una scelta più ampia di livelli sono da considerarsi migliori. Attualmente nel mercato possiamo trovare sensori con un minimo di due livelli però in generale i sensori più comuni permettono tra i tre e i cinque livelli. Sopra i cinque livelli si parla di bici elettriche di alta qualità, mentre sotto i tre livelli sono da considerarsi di minore prestazioni però più economici.

Struttura

La struttura di una bici elettrica dipende da vari aspetti che non bisogna sottovalutare. I componenti fisici della bicicletta elettrica devono essere scelti in funzione della comodità di utilizzo. Inoltre dovranno coesistere con i componenti specifici di una bici elettrica che sono la batteria ed il motore.

Questo è un elenco di  tutti gli aspetti importanti nella struttura di una bici elettrica che è bene valutare prima di un acquisto.

Telaio

Peso e misure

Prima di tutto una bici elettrica sempre sarà più pesante di una bici standard. Si definisce una bici elettrica in base al peso:

      • Leggera: inferiore ai 20 kg
      • Media: tra i 20 kg e i 22 kg
      • Pesante: tra i 23 kg e i 28 kg
      • Molto pesante: superiore i 28 kg

Il telaio quindi  dovrebbe essere robusto e leggero e disponibile in diverse taglie in base alla corporatura del ciclista.

Forma

Il tipo di forma di una bici elettrica dipende dall’uso che se ne vuole fare. Di solito una bici da corsa avrà il telaio più sottile rispetto a una MTB. Nel nostro caso parliamo di una una bici elettrica da usare in città, quindi alcuni aspetti relativi alla forma si dovranno considerare in funzione della comodità, per esempio il manubrio dovrà essere più alto rispetto a una bici da corsa per permettere una posizione più eretta, per non sovraccaricare le spalle e la schiena mentre si pedala.

Molto di moda sono adesso le bici elettriche pieghevoli grazie alla portabilità elevata che possono offrono. Questo tipo di bici permette all’utente di poterla parcheggiare in casa o addirittura in ufficio, evitando il problema dei furti.

Materiale

Il peso della bicicletta dipende direttamente dal materiale del telaio. Il più economico e pesante è l’acciaio, mentre il più leggero è il telaio in fibra di carbonio. Come consiglio per essere sicuri sarebbe meglio scegliere un telaio in alluminio che è un po più pesante della fibra, ma che comunque è resistente.

Forcella e ammortizzatori

La forcella è la parte anteriore della bici che ha una forma biforcuta dove si inserisce la ruota anteriore. La forcella migliore, nel caso di una bici elettrica è quella dotata di ammortizzatori perché attutisce i colpi e gli urti, quando si usa la bici elettrica in terreni accidentati o con buche.

Freni

I tipi di freni più utilizzati nelle bici elettriche sono i seguenti:

      • Freni a tamburo: sono i più economici e si trovano all’interno dei mozzi. Lo svantaggio di questo tipo di freni è il surriscaldamento e questo nel lungo periodo può deformare l’impianto frenante e la sua efficienza.
      • Freni v-brake: si montano sulla forcella e agiscono sul cerchio della ruota schiacciandolo quando si vuole frenare. Possono essere usati in alternativa ai freni a tamburo. Da tenere in considerazione che in caso di ruote molto sporche i tempi di arresto saranno più lenti perché i pattini che stanno a diretto contatto con la ruota, prima di frenare faranno un giro a vuoto sullo strato di sporco.
      • Freni a disco: sono i migliori della lista, agiscono direttamente sul mozzo e pertanto non hanno problemi se le ruote sono bagnate o sporche.

Ruote

Attualmente vengono utilizzati tre diversi sistemi per misurare le ruote: pollici, sistema ETRTO, o ISO e la marcatura francese. In Internet è possibile trovare delle tabelle di confronto tra i diversi sistemi di misurazione. Nel nostro caso parlando di bici elettriche per la città le dimensioni della ruota sono da considerarsi di 28″.

Computer di bordo

Un accessorio fondamentale in una bici elettrica è il computer di bordo. In commercio ce ne sono di diversi tipi e prezzi. Di solito i computer di bordo più economici sono fatti in plastica e indicano lo stato di carica della batteria e consentono di modificare il livello di assistenza della pedalata. I computer di bordo più costosi hanno invece delle funzionalità aggiuntive come il contachilometri e la gestione della potenza che eroga il motore.

In commercio si trovano anche computer di bordo molto più avanzati che integrano il GPS e si possono collegare a uno smartphone via Bluetooth. In genere su una bici elettrica economica sarà difficile trovare un display con GPS, mentre nelle bici di fascia alta sicuramente è un accessorio integrato. Esistono anche soluzioni intermedie dove le bici elettriche vengono dotate di un computer di bordo di base, che si può aggiornare mediante un’applicazione dal cellulare che permette di  aggiungere più funzioni.

Accessori

Gli accessori per personalizzare la bici elettrica sono molti. Nel caso delle city bike, i due accessori fondamentali sono il parafango e il portapacchi.

Il parafango è molto utile per un uso quotidiano perché evita di sporcarsi quando la strada è bagnata o fangosa.

Il portapacchi è invece molto utile perché permette di aggiungere un cestino posteriore per trasportare ad esempio uno zaino, o un sellino per bambini. Ovviamente si trovano in commercio un’infinità di accessori utili di tutti i prezzi e per tutte le necessità.

- 7%Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1
Più venduti - Posizione n. 3Più venduti - Posizione n. 3Più venduti - Posizione n. 3
Più venduti - Posizione n. 4Più venduti - Posizione n. 4Più venduti - Posizione n. 4
Più venduti - Posizione n. 5Più venduti - Posizione n. 5Più venduti - Posizione n. 5
- 28%Più venduti - Posizione n. 6Più venduti - Posizione n. 6Più venduti - Posizione n. 6

 

 

Ultimo aggiornamento 2017-10-10 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API